Sospensione rate prestito Findomestic: ecco come richiederla

28.02.2021

Chi può richiedere la sospensione delle rate

Per coloro che hanno richiesto -e ottenuto- un prestito Findomestic, dato l'attuale momento di incertezza economico-politica che si sta vivendo, è stata data la possibilità di ottenere una sospensione del pagamento delle rate per alcuni soggetti in possesso di determinate caratteristiche. Tale opportunità è concessa però, solo a coloro i quali hanno ottenuto un finanziamento (con la chiusura della pratica contrattuale) entro e non oltre il 21/04/2020. Inoltre, la sospensione della rate può essere richiesta solo entro il giorno 31/03/2021. 

Quali sono le categorie aventi diritto alla richiesta di sospensione?

Avranno la possibilità di richiedere la sospensione esclusivamente i titolari di contratti di credito ai consumatori di importo superiore a 1.000 Euro e durata originaria superiore a sei mesi che, a causa dell'emergenza Covid-19, a partire da una data successiva al 21/02/2020 e sino alla data del 31/03/2021 si trovino in una situazione di difficoltà economica e non possano momentaneamente far fronte alle spese mensili per motivi dovuti a:

  • Cessazione del rapporto di lavoro subordinato (ad eccezioni di rescissioni consensuali del contratto di lavoro, del licenziamento per giusta causa o di dimissioni non per giusta causa)
  • Sospensione/riduzione dell'orario lavorativo per un periodo di almeno trenta giorni (Cassa Integrazione o altri ammortizzatori sociali)
  • Cessazione "atipica" dei rapporti di lavoro (ad eccezione delle risoluzioni consensuali,  del recesso del datore di lavoro non per giusta causa e delle dimissioni del lavoratore non per giusta causa)
  • Lavoratori autonomi e liberi professionisti che abbiano avuto, nel trimestre precedente a quello della domanda di sospensione, una diminuzione almeno del 33% del fatturato rispetto all'ultimo trimestre dell'anno 2019
  • Eredi nelle situazioni succitate

Come funziona?

La sospensione riguarda le rate non ancora maturate al momento della richiesta e a decorrere dalla prima rata utile.
La durata massima prevista per la sospensione dei pagamenti è di sei mesi (compresi eventuali mesi di sospensioni da Moratoria Assofin già utilizzati). Ad esempio, se si è già usufruito di 2 mesi di sospensione da Moratoria Assofin e si chiede una nuova sospensione, potrà essere concessa un'ulteriore sospensione di massimo 4 mesi

Costi e interessi

Nel corso del periodo di sospensione sono applicati interessi calcolati sul debito residuo in linea capitale al tasso (TAN) del finanziamento. Gli interessi maturati saranno rimborsati alla fine della sospensione, a partire dal pagamento della prima rata in scadenza e andranno suddivisi in quote di pari importo e in numero uguale alle rate residue del finanziamento.
Perciò la quota d'interessi dovuti verrà semplicemente sommata alla rata che verrà pagata normalmente una volta terminato il periodo di sospensione. Ma, per i finanziamenti con cessione del quinto dello stipendio e locazione finanziaria la sospensione è gratuita. 

Come posso richiedere la sospensione delle rate?

Per chiedere la sospensione è necessario contattare un consulente Findomestic tramite il numero verde o l'apposito numero cellulare ed in seguito allegare un'adeguata documentazione che dimostri gli effettivi requisiti utili alla richiesta.

Tempi di risposta

Findomestic, entro di 10 giorni lavorativi successivi alla ricezione della richiesta, avrà la premura di comunicare

  • L'accoglimento della richiesta
  • Il rifiuto della stessa
  • Un invito a regolarizzare la richiesta qualora irregolare ovvero incompleta

Ti interessa avere un prestito? Noi di Finora24 possiamo dirti se hai i requisiti.

-Francesco del team di Finora24


Ti potrebbero interessare anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...