Dove richiedere un anticipo del TFS?

17.09.2021

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro

Il governo ha infatti stipulato un accordo quadro con il ceto bancario ABI, riportato, qualora si voglia consultare la fonte originale, nel decreto agosto pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Pertanto, ormai da quasi un mese, la procedura che consente l'anticipo del TFS è attualmente in vigore

Tale novità permette ai pensionati di ricevere in tempi brevi il trattamento di fine servizio senza dover spettare i lunghi tempi che sono solitamente tipici della pubblica amministrazione. Solitamente, i dipendenti pubblici, prima di ottenere la liquidazione, devono attendere:

  • Sei mesi dalle dimissioni in situazioni canoniche
  • Dodici mesi solo in alcuni casi specifici
  • Diciotto mesi qualora siano state presentate le dimissioni volontarie 

TFS, come richiedere l'anticipo

L'anticipo del TFS si può richiedere ad una qualsiasi banca convenzionata con l'INPS, purché, come detto in precedenza, l'importo non superi i 45 mila euro. Per poter ottenere l'anticipo, il dipendente pubblico dovrà fare esplicita richiesta presso la banca, e la somma verrà erogata dopo aver ottenuto l'autorizzazione dall'INPS o dall'ente previdenziale a cui appartiene. 

L'Ente di previdenza entro 90 giorni dalla richiesta deve rilasciare la documentazione in cui si attesta l'importo complessivo del TFS spettante. Una volta ottenuti i documenti necessari, il dipendente potrà chiedere la liquidazione alla banca, e il capitale verrà erogato entro 30 giorni dall'approvazione della procedura.

Tassi d'interesse sull'anticipo

L'anticipo del Trattamento di fine servizio o fine rapporto, in fondo, costituisce un vero e proprio finanziamento oneroso a tasso d'interesse calmierato che la banca concede solamente dietro concessione di dovute garanzie. Il tasso d'interesse viene stabilito in base al rendimento dei titoli pubblici con durata analoga al finanziamento applicando una maggiorazione, che solitamente, è pari all 0,4% circa.

Per trovare altre informazioni utili 


-Francesco del team di Finora24


Potrebbe interessarti anche...

Prima di acquistare un'automobile nuova, considerando anche l'impennata dei prezzi degli autoveicoli che si sta verificando da qualche anno a questa parte, sarebbe consigliato e forse conveniente controllare le offerte nel campo dell'usato. Sono sempre di più, infatti, i soggetti che decidono di comprare un veicolo di seconda mano, considerando...

L'assicurazione sulla casa durante l'accettazione del mutuo è una polizza che ha il compito di tutelare sia il cliente che la banca, nonché di fungere da "garanzia di pagamento" per l'acquisto dell'immobile in caso di eventi imprevisti che impediscano al mutuatario di tenere fede alle scadenze di rimborso. Esistono due tipi di assicurazione,...

Al momento dell'acquisto di una qualsiasi autovettura, nuova o usata che sia, la concessionaria è libera di vendere il veicolo senza assicurazione, dal momento che la polizza dovrà essere intestata a carico dell'acquirente, non certo del venditore. Il venditore dell'auto usata è quindi tenuto solo a prestare la garanzia prevista per legge. ...