Come ottenere il saldo e stralcio dei debiti?

21.04.2021

Cosa si intende per "saldo e stralcio"?

Quando si parla di «saldo e stralcio» si fa riferimento all'estinzione definitiva di un debito (stralcio) tramite un pagamento parziale (saldo). Viene così corrisposta una parte dell'importo dovuto (ad esempio il 70%) a fronte dell'immediato versamento della somma. Legalmente non ci sono limitazioni o paletti, il creditore e il debitore possono accordarsi come vogliono, ma necessariamente per iscritto se il contratto di prestito iniziale era stato stipulato in forma scritta. Solitamente però, il creditore è portato ad accettare l'offerta avanzata dal debitore solo dopo aver constatato la presenza di un'effettiva difficoltà nel pagare da parte di quest'ultimo, e quindi la probabile perdita o mancato recupero del proprio credito.

Cosa ha a che fare con la "dilazione"?

Nulla. Il saldo e stralcio è semplicemente un pagamento parziale ma immediato o in due o tre rate al massimo, non troppo distanti tra loro. Una valida alternativa, consigliata a chi non ha una somma da corrispondere in un'unica soluzione, è la cosiddetta dilazione di pagamento: si tratterebbe cioè di concordare un rientro a rate dell'intero importo dovuto o di una parte consistente di esso. Di solito il creditore non accetta quasi mai formule miste: ottenere un saldo e stralcio con pagamento dilazionato in più rate è senza dubbio un'eventualità altamente improbabile. Bisogna comunque specificare che, talvolta, pur di non perdere gran parte del proprio credito, il creditore si accontenta di formule più accondiscendenti per trovare un valido compromesso. 

Quando è possibile richiedere il saldo e stralcio

La formula del saldo e stralcio può essere utilizzato in numerose situazioni e circostanze, ma le più comuni e diffuse sono:

  • Pagamento spese condominiali
  • Pagamento di imposte di vario genere
  • Controversie con il proprio istituto creditizio
  • Dispute con aziende erogatrici di carte di credito o servizi di telefonia, utenze immobiliari e 

Come richiederlo

Prima di richiedere il saldo e stralcio, è raccomandabile rivolgersi ad un professionista esperto in gestione dei debiti, il quale, essendo perfettamente a conoscenza di tutte le norme legislative e di tutti gli stratagemmi per ottenere una mediazione di successo, saprà consigliare efficacemente la migliore soluzione.
Se si decide di optare per questo metodo di pagamento, è necessario sapere che di solito avviene in un'unica soluzione (essa permette di ottenere riduzioni decisamente più consistenti), ma in diversi casi è possibile chiedere la rateizzazione. Solitamente la rateizzazione non va oltre i 36 mesi e il possibile risparmio, il quale oscilla tra il 50 e il 90% del debito iniziale) dipende anche dalla storia creditizia del debitore. L'ISEE basso, la mancanza di reddito e un passato da cattivo pagatore possono agevolare molto l'iter verso il saldo e lo stralcio dei debiti, talvolta conducendo anche verso cospicui risparmi

Hai problemi con la tua situazione economica? Noi di Finora24 possiamo aiutarti con la tua emergenza debiti, basta cliccare qui sotto.

-Francesco del team di Finora24


Ti potrebbe interessare anche...

L'assegno unico universale per i figli ha preso il via il primo luglio scorso, ma, essendo una misura transitoria approvata con il decreto del 4 giugno (assegno "ponte") sarà in vigore fino al 31 dicembre 2021, poiché a partire dal 2022 entrerà nella sua fase definitiva. Per i prossimi cinque mesi, quindi, sarà possibile fare richiesta del...

Il pignoramento dello stipendio è una delle forme di pignoramento previste dall'articolo 543 del Codice di procedura civile ed è volta a soddisfare il creditore in caso di insolvenza del debitore. Benché possa risultare strano, a volte il pignoramento può coinvolgere il reddito proveniente direttamente dal proprio stipendio o assegno pensionistico....