Unificare i prestiti con un unico prestito, è possibile oggi?

07.09.2021

Può capitare a tutti di trovarsi in una situazione in cui i molteplici debiti da saldare vadano a gravare pesantemente sulle spese mensili, con diverse rate che si accumulano ogni mese. La soluzione per questo problema esiste e si chiama prestito consolidamento debiti. Ma come funziona?

Come funziona il prestito consolidamento debiti?

Un prestito consolidamento debiti è un finanziamento richiesto ad una banca che permette di accorpare un certo numero di rate mensili derivate da diversi prestiti in un'unica rata, garantendo quindi una migliore gestione del saldo del debito accumulato. Infatti la rata del prestito consolidamento debiti ha un importo mensile inferiore, a fronte di un periodo di ammortamento superiore e di un tasso di interesse simile o inferiore. 

Quali sono i requisiti necessari per richiederlo?

È importante che il richiedente non sia iscritto nel registro dei cattivi pagatori, e che le sue entrate mensili siano sufficienti per sostenere la rata. La banca può inoltre richiedere la presenza di un garante, ovvero di una persona che si assuma la responsabilità di rispondere nei confronti della banca qualora il richiedente non sia più in grado di rispettare le scadenze o di portare a termine i pagamenti. 

La banca ha bisogno, per erogare il finanziamento, di tutti i documenti relativi ai prestiti da estinguere. Questi sono necessari perché è la banca stessa a saldare i debiti del cliente, in base ai quali decide la durata dell'ammortamento e il tasso di interesse. In questo senso i documenti più importanti sono i conteggi estintivi, ovvero i calcoli del debito che deve ancora essere saldato ai creditori originali. 

Vuoi richiedere un prestito? Noi di Finora24 possiamo aiutarti a trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze, clicca qui sotto!

-Pietro del team di Finora24


Potrebbe interessarti anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...