Prestito per l'auto nuova: concessionaria o finanziaria?

19.03.2021

Spesso il costo elevato della gran parte delle automobili sul mercato fa sì che, al fine di procedere all'acquisto del veicolo, si debba richiedere un pagamento rateale con finanziamento, pertanto risulta quanto mai essenziale essere al corrente di quali sono le modalità di finanziamento più convenienti per chi è interessato all'acquisto di una nuova automobile. 

Finanziamento auto in concessionaria

Il finanziamento in concessionaria possiede le caratteristiche di un prestito finalizzato, ovvero ha un tasso d'interesse fisso e prevede spesso un piano di ammortamento a rate costanti predeterminato dalla concessionaria [da un minimo di sei mesi ad un massimo di cinque anni]. Nel caso del finanziamento auto in concessionaria, è il rivenditore stesso che, dopo aver preso accordi con banche e finanziarie, sbriga tutte le pratiche per l'avvio e la concessione del prestito (percependo una commissione dagli stessi istituti di credito in pagamento di tale mansione). Il richiedente, invece, si impegna a restituire puntualmente l'importo anticipatogli con rate mensili comprendenti il tasso d'interesse preaccordato

Prestito in finanziaria

Il finanziamento stipulato presso un istituto creditizio è molto diverso ed è molto più flessibile rispetto al prestito in concessionaria. Grazie al tramite fornito dell'istituto di credito, infatti, il compratore ha facoltà di scegliere personalmente l'ente finanziario a cui rivolgersi per ottenere la liquidità necessaria all'acquisto del veicolo. In caso di prestito stipulato per finanziare l'acquisto di un'autovettura usata, la somma massima erogabile è stabilita dai listini di valutazione Eurotax. Inoltre la durata del finanziamento è inferiore rispetto a quella di un finanziamento sottoscritto per l'acquisto di un'auto nuova, mentre la variabilità dipende dal valore commerciale della vettura (anno d'immatricolazione, chilometraggio, ecc.) al momento della richiesta del prestito. Questo finanziamento ha le caratteristiche di un prestito non finalizzato, che ha il vantaggio di lasciare totalmente nelle mani del cliente la scelta su come spendere la somma ricevuta e concedere al richiedente stesso la facoltà di decidere come selezionare le condizioni migliori paragonando e confrontando le diverse offerte. Inoltre, il denaro è accreditato direttamente sul conto corrente del cliente.

Vantaggi e svantaggi del prestito in concessionaria

Il concetto di vantaggioso o svantaggio quando si analizzano le caratteristiche di un finanziamento è molto soggettivo, ma i possibili pro e contro del prestito in concessionaria potrebbero essere riassunti come segue:

VANTAGGI

  • Tasso fisso
  • Nessun coinvolgimento attivo nello svolgimento delle pratiche
  • Rate costanti

SVANTAGGI

  • Nessuna possibilità di confronto con altre offerte e soluzioni
  • Totale affidamento sulla proposta rateale del proprio concessionario

Vantaggi e svantaggi del prestito tramite finanziaria

Anche in questo caso è molto difficile stabilire oggettivi criteri di convenienza, ma i possibili benefit e i rischi del finanziamento con mediazione dell'ente di credito potrebbero essere i seguenti:

VANTAGGI

  • Possibilità di scelta ampia e facoltà di confronto tra le offerte
  • Accredito della somma sul proprio conto corrente

SVANTAGGI

  • Tempi di attesa e svolgimento delle pratiche mediamente più lunghi

Vuoi ottenere un finanziamento per l'acquisto della tua nuova auto? Noi di Finora24 possiamo aiutarti, ti basta cliccare sul bottone e scegliere il prestito che fa per te

-Francesco del team di Finora24


Ti potrebbe interessare anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...