Prestito per gli insegnanti, ecco come funziona

22.03.2021

Per alcune categorie di lavoratori sono previste delle modalità di finanziamento apposite e specifiche, spesso con caratteristiche molto vantaggiose. Per gli insegnanti, ad esempio, è disponibile il cosiddetto 'prestito pluriennale', una particolare tipologia di finanziamento, in convenzione con NoiPa, che prevede la possibilità per i docenti di accedere ad un prestito tramite Cessione del Quinto con condizioni agevolate e con tempi di erogazione molto rapidi.

Vantaggi del prestito per gli insegnanti

Con questa tipologia specifica di prestito convenzionato si ha la garanzia di una rata sempre sostenibile, in quanto, dal momento che si tratta di una "Cessione del Quinto",  non potrà mai superare il 20% del proprio stipendio netto. I suoi vantaggi sono molteplici ma potrebbero essere riassunti come segue:

  • Tasso fisso in convenzione
  • Fino a 75.000 euro disponibili per il finanziamento
  • Rapidità nelle procedure ed immediatezza nel conferimento dell'esito della richiesta
  • Procedura automatizzata per il rilascio della documentazione relativa la prestito
  • Polizza assicurativa inclusa
  • Restituzione tramite trattenute dirette in busta paga, evitando così possibili dimenticanze, ritardi o mancati pagamenti
  • Rateizzazione fino a dieci anni, che consente una grande sostenibilità e garantisce un non eccessivo dispendio mensile

Come richiedere il finanziamento

Per richiedere un prestito come insegnante della scuola pubblica è possibile rivolgersi agli Istituti di Credito che hanno sottoscritto l'apposita convenzione NoiPa. Si tratta di una conferma obbligatoria per essere certi di rivolgersi a interlocutori fidati, che hanno superato un iter procedurale condiviso. I funzionari del gruppo scelto effettueranno una consulenza per avviare la pratica del richiedente nella maniera più corretta, dopo aver verificato l'idoneità dello stesso. La domanda di prestito può essere altresì effettuata online, prevedendo delle condizioni agevolate per gli insegnanti.  L'esito si ottiene in un'ora -tempo brevissimo per la procedura di un finanziamento.

Sono un collaboratore ATA, posso richiedere il prestito per insegnanti?

Si, la convenzione coinvolge anche i dipendenti ATA, consentendo loro di accedere al finanziamento per gli insegnanti con le stesse identiche convenzioni e con i medesimi vantaggi e benefici. 

Documenti necessari

Se si rientra nelle categorie coinvolte (docenti e personale ATA) e si vuole richiedere il prestito agevolato con Cessione del Quinto saranno necessari solo pochi documenti: un altro grande vantaggio del prestito per gli insegnanti è che necessita di una procedura molto snella e veloce, differentemente da altri tipi di finanziamenti. Occorre infatti essere in possesso di:

  • Un documento d'identità valido (passaporto, patente o carta d'identità)
  • Tessera sanitaria
  • Ultima busta paga percepita

Vuoi richiedere un prestito? Noi di Finora24 possiamo aiutarti, ti basta cliccare qui sotto per scoprire il finanziamento adatto a te

-Francesco del team di Finora24


Ti potrebbe interessare anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...