Prestito Hype di Banca sella, come richiederlo

23.04.2021

È possibile richiedere un prestito con una prepagata?

Fino a pochissimo tempo fa la naturale risposta a questo interrogativo sarebbe stata negativa, ma ultimamente, grazie anche a Banca Sella, sono stati fatti dei grandi passi avanti. La nuova funzione della carta Hype, emessa dalla banca suddetta, si chiama Credit boost, e consente di richiedere denaro in prestito utilizzando il conto collegato alla prepagata, consultabile facilmente dal proprio smartphone e dotato, tra le altre cose, di IBAN italiano per inviare e ricevere bonifici. 

In cosa consiste Credit boost?

Si tratta di un prestito concesso ai possessori di una carta Hype, ma caratterizzato da numerose peculiarità e particolarità innovative. Il massimo importo ottenibile ammonta a 2000 euro e gli interessi sono pari a zero (grande vantaggio per il richiedente). Bisogna specificare la cifra non dovrà essere richiesta necessariamente in una sola soluzione, anche in più step (ad esempio, è possibile sottoscrivere due prestiti differenti e cronologicamente distanziati da 1000 euro ciascuno). La restituzione delle rate può essere spalmata in un arco temporale di 3, 6 o 12 mesi, e man mano che verranno rimborsate le aliquote, si ristabilirà il plafond [una volta restituita l'intera somma sarà perciò possibile ottenere nuovamente i 2000 euro]. La ricarica rateale verrà addebitata direttamente da Hype sulla carta il ventesimo giorno di ogni mese. 

Requisiti necessari

Hype ha quindi reso accessibile a tutti il servizio Credit Boost delineando però le linee guida ed i requisiti per accedere al servizio stesso. Nel particolare tutti i Clienti delle carte Next (e prima Plus) e Premium possono procedere alla richiesta, a patto però che siano in possesso dei seguenti prerequisiti:

  • Età minima di 25 anni
  • Essere titolare di un conto HYPE da almeno 6 mesi
  • Avere un saldo dell'ultimo trimestre pari o superiore a 150€
  • Avere effettuato almeno 3 transazioni con una spesa almeno pari o superiore a 300 euro.

Non solo, il titolare deve aver pagato correttamente i canoni mensili della card così come tutti gli eventuali addebiti diretti (SDD). Il titolare della card Hype può valutare il possesso di questi requisiti direttamente dall'area personale in app (i requisiti già ottenuti sono evidenziati da una spunta blu). Solo una volta appurata la presenza di tali condizioni è possibile richiedere il prestito, procedendo nella sezione dedicata dell'app. 

Quanto conviene Credit boost?

Pur essendo un prestito a tasso zero, alcune spese aggiuntive potrebbero comparire, aggiungendo voci di costo che andrebbero ad influire sul TAEG. Tutti questi aspetti verranno comunque visualizzati in fase di richiesta, perciò non ci sarà alcuna sorpresa sgradita, in base all'orizzonte temporale. Nel particolare secondo il foglio informativo di Credit boost Hype sono previsti le seguenti condizioni economiche:

  • Plafond massimo di 2000 euro
  • Importo minimo rata di 25 eur
  • Attivazione del servizio di 5 euro da pagare 'una tantum'
  • Imposta sostitutiva pari allo 0,25% della linea di credito
  • Commissione mensile: 0,70 % per singolo utilizzo a cui si aggiunge un euro fisso/mese per la gestione della pratica
  • Spese per il rendiconto cartaceo pari a 1,56 euro azzerate se si scelgono quelle online (3 euro per copie rendiconti precedenti).

A fronte di queste spese, la formula boost risulta comunque conveniente e indicata per i giovani, per via della rapidità nell'iter procedurale e per la sua facilità di rimborso.

Vuoi richiedere un prestito? Noi di Finora24 possiamo aiutarti a trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze, ti basta cliccare qui sotto!

-Francesco del team di Finora24


Ti potrebbe interessare anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...