Prestito attraverso la cessione del quinto, quali sono i vantaggi?

26.02.2021

Cos'è la cessione del quinto e come funziona

La cessione del quinto è una delle più diffuse modalità di prestito che le banche e le finanziarie possono concedere a lavoratori dipendenti e pensionati. Il rimborso delle aliquote è previsto tramite cessione di un quinto dello stipendio o della pensione. Tale modalità prende anche il nome di prestito garantito, in quanto le rate mensili vengono versate all'ente erogatore direttamente dal datore di lavoro, nel caso di cessione del quinto dello stipendio, o dall'ente previdenziale nel caso di cessione del quinto della pensione.

A chi conviene la cessione del quinto?

Per le proprie caratteristiche la cessione del quinto presenta senza dubbio numerosi vantaggi, innanzitutto per via del fatto che coloro i quali rientrano nella platea di beneficiari succitata possono vedere approvata la propria domanda di finanziamento con relativa facilità, essendo una forma di credito garantita che porta l'istituto erogatore ad avere maggiore flessibilità, con un pagamento che avviene in automatico. Ovviamente anche rientrando nella lista dei possibili beneficiari esistono singole condizioni che possono rendere conveniente o meno la richiesta di tale tipologia di prestito: è evidente, ad esempio, che se si ha uno stipendio o un assegno previdenziale di modesta entità non si potranno richiedere importi troppo elevati. Dunque è giusto valutare ogni singolo aspetto prima di decidere se effettuare o meno una richiesta di prestito con cessione del quinto. 

Vantaggi e benefici della cessione del quinto

Di seguito, nel caso in cui non fossero abbastanza chiare le dinamiche e le agevolazioni della cessione del quinto, è presente una breve lista dei possibili vantaggi:

  • Buona probabilità di ottenere il prestito (tenendo conto del proprio reddito)
  • Facile accesso per dipendenti e pensionati, sia pubblici che privati
  • Tasso di interesse e rateizzazione fissi
  • Nessuna richiesta di ipoteche né garanzie reali
  • Durata del prestito estendibile fino a 10 anni con piani di rimborso in 120 rate mensili
  • Niente costi di intermediazione
  • Pagamento automatico mediante trattenuta sulla busta paga o pensione, senza dunque fare attenzione alle scadenze e incorrere in rischio di dimenticanze
  • Possibilità di concessione per chi ha avuto difficoltà passate di accesso al credito, una segnalazione nella lista di cattivi pagatori o ha ricevuto pignoramenti o protesti
  • Nessuna necessità di indicare le finalità del prestito
  • Nessun bisogno di un garante
  • Possibilità di estinzione anticipata 
  • Tutela polizza assicurativa contro morte prematura e rischio perdita di lavoro

Limitazioni e caratteristiche specifiche

Come stabilito dal DPR 180/1950 e successive modifiche, possono richiedere la cessione del quinto solo le seguenti categorie di soggetti:

  • Lavoratori dipendenti pubblici, statali o parastatali
  • Lavoratori dipendenti di aziende private
  • Pensionati pubblici e privati iscritti a qualsiasi ente pensionistico
  • soggetti con un'età massima di 79 anni.

Chi ha un contratto a tempo indeterminato non ha generalmente problemi ad avere la concessione del prestito, mentre per coloro che hanno un contratto di lavoro a tempo determinato, la cessione del quinto del salario non può avere durata superiore al lasso di tempo che intercorre tra l'erogazione del prestito e la scadenza del contratto di lavoro.

Vuoi chiedere un prestito? Noi di Finora24 possiamo aiutarti! Clicca sul bottone per scoprire se hai i requisiti per richiedere subito un prestito.

-Francesco del team di Finora24


Ti potrebbe interessare anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...