I giovani possono ottenere un prestito senza stipendio?

23.03.2021

Il mondo dell'economia negli ultimi quindici anni è radicalmente cambiato, in funzione di un mutamento culturale e sociale, Un tempo, infatti, per ottenere un prestito si dovevano rispettare prerequisiti rigidissimi e l'accessibilità dei finanziamenti era ridotta ad una cerchia molto più stretta di persone. Ora invece sono disponibili diverse soluzioni anche per coloro che hanno una situazione finanziaria non rosea e per chi non ha un reddito fisso. 

Prestito per giovani non lavoratori

Tra le varie possibilità di finanziamento esiste anche un prestito destinato ai giovani che non sono in possesso di un reddito. L'unica discriminante essenziale senza la quale non è possibile ottenere il prestito, però, è il fatto che il giovane richiedente deve essere coinvolto, al momento della richiesta, in un percorso di studi universitario. La concessione del prestito, infatti, è una sorta di "scommessa" sul buon esito del prossimo futuro lavorativo del giovane universitario.

Requisiti necessari

Per poter richiedere -e ottenere- un prestito al fine di finanziare i propri studi universitari, è necessario possedere dei precisi requisiti, senza i quali non si può aver accesso al credito previsto per i giovani senza reddito. Le caratteristiche necessarie sono le seguenti:

  • Si deve avere un'età compresa tra i 18 e i 30 anni
  • È essenziale aver conseguito un diploma di maturità, e in alcuni casi, viene anche richiesto un requisito di merito, ossia un voto minimo
  • Non si deve percepire un reddito lavorativo
  • Si deve dimostrare l'iscrizione al corso di studi.

Quando si deve restituire la somma ricevuta?

La proposta espressamente pensata per la categoria degli studenti universitari senza reddito prevede un pagamento posticipato delle rate, che inizieranno a venire richieste solo dopo il termine degli studi universitari -come una sorta un investimento di fiducia sul futuro del richiedente. Sempre nel caso della richiesta di tale prestito, spesso si coinvolgono i genitori dei giovani in qualità di garanti attraverso una fideiussione (particolare contratto giuridico che prevede la garanzia da parte del soggetto 'fideiussore' di un obbligazione altrui):

Prestito per i giovani che decidono di aprire un'attività imprenditoriale

Esiste, inoltre, un altro tipo di prestito per i giovani senza reddito, ovvero il finanziamento a fondo perduto parziale per coloro i quali hanno intenzione di fondare un'impresa. Questo tipo di prestito permette di ottenere una cifra piuttosto cospicua, per un massimo di quasi mezzo milione di euro, per avviare un'azienda. Essendo un  prestito a fondo perduto parziale,  non vi saranno tassi d'interesse e parte del prestito non andrà restituito. Ciò è possibile perché si partecipa ad un bando di gara indetto da un ente pubblico, locale o statale (in alcuni casi anche europeo)  che poi andrà a restituire alla banca erogatrice la parte restante del debito. I requisiti sono molto simili al prestito per gli studenti universitari: si deve avere un'età compresa tra i 18 e i 30 anni e non si deve percepire reddito lavorativo né partecipare ad un altra società.

Vantaggi del prestito per i giovani

Il prestito per i giovani non lavoratori (o "prestito d'onore") ha come intento quello di tendere la mano al richiedente affinché possa ottenere liquidità per portare a termine il proprio percorso di studi o per avviare la propria attività. I vantaggi di tale forma di finanziamento risultano perciò chiari ed evidenti, riassumibili come segue:

  • Possibilità di restituire le rate al termine del percorso universitario o una volta avviata la propria attività imprenditoriale
  • Liquidità immediata
  • Possibilità di fideiussione
  • Tassi d'interesse bassissimi, talvolta pressoché nulli


Vuoi ottenere un prestito? Noi di Finora24 possiamo aiutarti! Ti basta cliccare sul bottone per scoprire se lo puoi ottenere.

-Francesco del team di Finora24


Ti potrebbe interessare anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...