E' possibile ottenere un prestito con un contratto part-time?

08.08.2021

In cosa consiste un contratto part-time?

Ad oggi in Italia sono moltissimi i lavoratori dipendenti con un contratto part-time, costituendo una schiera sociale assai rivelante. Il lavoratore part-time è un soggetto assunto tramite un contratto di occupazione subordinato caratterizzato essenzialmente da una riduzione dell'orario settimanale rispetto al monte ore ordinario, o "full-time", di quaranta ore. Il contratto a tempo parziale può essere:

  • A tempo determinato, ovvero con una data fissata al momento del colloquio per il termine del servizio lavorativo
  • A tempo indeterminato, ossia senza alcun limite temporale per la durata dell'incarico.

Un lavoratore part-time può richiedere un prestito?

A patto che si rispettino alcune condizioni, anche un soggetto con contratto part-time può avere accesso ad una somma in prestito. Più precisamente, la modalità di restituzione rateale prevista è esattamente la stessa usata per lavoratori dipendenti e pensionati, ovvero la cosiddetta "Cessione del Quinto". Tuttavia, per poter accedere al finanziamento con decurtazione del 20% della propria entrata mensile, il richiedente dovrà necessariamente avere un contratto a tempo indeterminato; in caso contrario sarà impossibile ottenere l'approvazione dell'ente di credito. 

Requisiti necessari

Oltre ad avere un reddito dimostrabile e un regolare contratto di assunzione, i requisiti indispensabili per la richiesta di un prestito da parte di un lavoratore part-time sono:

  • Valutazione dell'assicurazione positiva rispetto all'azienda nella quale si lavora;
  • Rata mensile del prestito minore di un quinto dello stipendio percepito
  • Possesso di un contratto a tempo indeterminato da 6 mesi almeno
  • Stipendio mensile maggiore di 550 euro netti

Documenti richiesti

Nel caso in cui il richiedente, in possesso del contratto a tempo parziale e dotato di tutti i requisiti sopraelencati, avesse necessità di accedere ad un prestito, dovrà presentare all'istituto di credito una precisa documentazione, così da consentire l'avvio della pratica. I documenti necessari sono, così come per ogni altro finanziamento:

  • Documento d'identità valido (patente, carta d'identità o passaporto)
  • Codice fiscale;
  • Ultima busta paga in ordine di tempo;
  • Il modello 730 utilizzato per la dichiarazione dei redditi

Vuoi richiedere un prestito? Noi di Finora24 possiamo aiutarti a trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze, basta cliccare qui sotto!

-Francesco del team di Finora24


Potrebbe interessarti anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...