Come richiedere il bonus affitti?

10.09.2021

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e l'abbassamento dei canoni di locazione, viste le difficoltà economiche causate dalla pandemia. 

Chi può richiedere il Bonus?

Per poter richiedere il Bonus affitti bisogna essere, come già accennato in precedenza,  proprietari di case affittate come abitazione principale. L'immobile deve essere situato in un comune ad alta tensione abitativa come Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia, o anche nei comuni confinanti e gli altri capoluoghi di provincia. È importante specificare che, qualora si voglia scoprire se il proprio comune faccia parte dei centri urbani ad alta tensione abitativa, sul sito ufficiale del Ministero dei trasporti si può trovare l'elenco completo. Un'altra cosa fondamentale da sapere è che il bonus viene riconosciuto solo per i contratti in essere alla data del 29 ottobre 2020. Per ottenere il contributo il contratto deve essere stato rinegoziato in diminuzione nel periodo compreso tra il 25 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021.

Come richiedere il Bonus Affitti

Non esiste una modalità "fisica", dal momento che l'unica via per richiedere il Bonus Affitti 2021 è è quella digitale, tramite lo Spid (la carta di identità elettronica) o attraverso la carta nazionale dei servizi ed Entratel/Fisconline, accedendo all'area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate. Per compilare la domanda serviranno gli estremi del contratto di affitto, vale a dire la data di inizio e di fine accordo e il canone di partenza e quello rinegoziato al ribasso. Al proprietario poi verrà richiesto il codice fiscale e l'iban su cui accreditare il bonus.

A quanto ammonta il Bonus?

Il totale dei fondi stanziati per il Bonus Affitti è pari a 100 milioni di euro. Dopo il 31 dicembre 2021, l'Agenzia delle Entrate prenderà  carico delle istanze ricevute e calcolerà il totale dei contributi da erogare. Se questo sarà inferiore alla cifra messa in campo dallo Stato, si procederà a fissare la percentuale di erogazione per le domande ricevute, in base al rapporto tra le richieste e i fondi a disposizione. L'erogazione avverrà in ogni caso nel 2022.

L'articolo ti è piaciuto? Per trovare altre informazioni utili ti basta cliccare qui sotto e visitare la sezione news di Finora24!

-Francesco del team di Finora24


Potrebbe interessarti anche...

Per i dipendenti pubblici prossimi alla pensione è in vigore la possibilità di richiedere un anticipo del TFS (trattamento di fine servizio) per un massimo di 45 mila euro.

Il cosiddetto 'Bonus Affitti' è una misura che consiste, sostanzialmente, in un contributo a fondo perduto destinato ai proprietari di immobili in affitto che hanno concesso agli inquilini una riduzione del canone, a patto che questi vi risiedano come abitazione principale. Il provvedimento, pertanto, è volto a incentivare il controllo e...

Ristrutturare casa per renderla a norma secondo le regole del risparmio energetico significa affrontare delle spese davvero ingenti, spesso pari a svariate migliaia di euro. La ristrutturazione di un immobile prevede infatti lavori costosi e complessi come la coibentazione, la messa a norma degli impianti (gas, idrici ed elettrici), l'acquisto di...